Complicare e semplificare, secondo Bruno Munari

“Complicare è facile, semplificare è difficile.
Per complicare basta aggiungere, tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, personaggi, ambienti pieni di cose.

Tutti sono capaci di complicare.
Pochi sono capaci di semplificare.

Per semplificare bisogna togliere, e per togliere bisogna sapere che cosa togliere, come fa lo scultore quando a colpi di scalpello toglie dal masso di pietra tutto quel materiale che c’é in più.

Teoricamente ogni masso di pietra può avere al suo interno una scultura bellissima, come si fa a sapere dove ci si deve fermare nel togliere, senza rovinare la scultura?
Togliere invece che aggiungere vuol dire riconoscere l’essenza delle cose e comunicarle nella loro essenzialità.

Questo processo porta fuori dal tempo e dalle mode.
La semplificazione è il segno dell’intelligenza, un antico detto cinese dice:

<<Quello che non si può dire in poche parole
non si può dirlo neanche in molte.>>”

Bruno Munari, Verbale scritto 1992

data-mobile="1"
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

Cinque cose da sapere sul Portfolio - in video!

Next Article

Quattro giorni alla Bologna Children Book Fair 2014

Related Posts