Storia dell'Illustrazione
Asterisk Storia dell’Illustrazione: Amy Millicent Sowerby
31/03/2011 Morena Forza in Storia dell'Illustrazione / 2 responses

Tag:, , ,

Amy Millicent Sowerby  (1878-1967) era a sua volta figlia di un illustratore, John G. Sowerby.
Iniziò fin da ragazzina la sua educazione da illustratrice, ma penalizzata dalla distanza tra casa e scuola, finì con l’essere per lo più autodidatta e ad ispirarsi al lavoro di altri illustratori per riuscire a lavorare, facendo affidamento su formule stilistiche già ampiamente sperimentate ed efficaci sul mercato.

Sia lei che la sorella Githa aiutarono finanziariamente la famiglia dedicandosi all’illustrazione di libri per l’infanzia; Githa scriveva e componeva, Millicent illustrava.

Per ingrandire le immagini della gallery, cliccare sulle anteprime:

Tutte le foto di questo volume si trovano sul profilo del proprietario a questo link.

La Sowerby disegnò anche vari set di cartoline e biglietti pensate proprio per i più piccoli (la collezione aveva proprio il nome di “Postcards for the Little Ones”) divenendo un’illustratrice piuttosto celebre in epoca vittoriana ed edoardiana.

A consacrarla, comunque, fu la pubblicazione nel 1907 (ed oggi ancora molto amata) di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Per ingrandire le immagini della gallery, cliccare sulle anteprime.

Letture

Fonti immagini: 1|2|

Condividi su:
error

Commenti

commenti

Separator

2 comments on “Storia dell’Illustrazione: Amy Millicent Sowerby

  1. Ciao Morena! Il tuo blog e' fantastico! L'ho scoperto due giorni fa ed ho gia' sviluppato dipendenza. Grazie mille per tutte le informazioni interessanti ed i suggerimenti sempre utili (e necessari, specialmente per una come me che di arte se ne intende poco…;))!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.