Categoria: Manuali e Saggistica

Separator
Asterisk Il Manuale dell’illustratore di Anna Castagnoli è diverso da tutti gli altri
01/02/2017 Morena Forza in Illustrazione / 10 responses

Manuale dell’illustratore
di Anna Castagnoli – annacastagnoli.com
2016 Editrice Bibliografica
10 capitoli; 238 pagine

Qualche settimana fa, poco prima di Natale, sono uscita sotto una fitta pioggerellina milanese per ritirare il “Manuale dell’illustratore” di Anna Castagnoli da Editrice Bibliografica.
Dopo una lunga attesa lo volevo a tutti i costi prima delle feste, per sfruttare un’improvvisa e generosa manciata di tempo che queste mi avevano regalato e poterlo leggere in santa pace senza troppe interruzioni.
L’ho centellinato pagina per pagina e sono stata molto soddisfatta dell’acquisto.

Ho avuto la sensazione di continuare in profondità una lettura già avviata negli anni seguendo Le figure dei Libri; questo è stato da subito uno dei punti a favore di questo manuale, che si propone di presentare l’illustrazione come mestiere a chi non lo conosce oppure non ne ha ancora toccato con mano i risvolti più pratici.

Nonostante da qualche anno l’illustrazione sia la mia professione sulla carta e nella vita, non ho mai smesso di leggere pubblicazioni dedicate a questo argomento; mi piace aggiornarmi, ma anche conoscere l’approccio di diversi illustratori nell’affrontare le sfide quotidiane che un mestiere creativo (ed in proprio) porta ad affrontare.

Quando ho cominciato a fare illustrazione nel 2009, questa non godeva a livello nazionale di tutta l’attenzione che ora le viene riservata e a cui siamo abituati; perciò ho dovuto ordinare diversi manuali dagli Stati Uniti.
Pur trovandoli quasi tutti scritti e strutturati bene, ho sempre riscontrato delle inevitabili divergenze fra la realtà americana e quella del nostro Paese; perciò sezioni come quelle dedicate a legge, burocrazia, fisco e contabilità le ho sempre percepite fin troppo vaghe per le mie esigenze (molto concrete).

Sono numerosi i motivi per cui considero questo uno dei manuali più utili che mi sia capitato di leggere sul mestiere di illustratore. Io ve ne elenco alcuni. Gli altri, potrete scoprirli da voi! :-)

  • Il “Manuale dell’illustratore” è il primo manuale per illustratori che si concentra sull’illustrazione per l’infanzia.
    Tutti gli altri che ho letto in questi anni hanno trattato l’argomento in modo più generico, soffermandosi per qualche pagina sui diversi mercati, ma senza dare indicazioni specifiche per questo particolare settore.
  • E’ presente un enorme capitolo, molto istruttivo, dedicato all’albo illustrato e anche all’oggetto libro nella sua struttura.
  • Finalmente un libro nato dall’esperienza tangibile di un illustratore: Anna ci regala pagine ricche di studi personali, storyboard, esperimenti ed esercizi, anche illustrati con la sua mano. Molti manuali, ad oggi, non sembrano davvero pensati da un illustratore: me ne sono resa conto solo sfogliando questo!
  • La voce di Anna Castagnoli è spesso presente nella spiegazione dei contenuti, una scelta che ho molto apprezzato. Un perfetto equilibrio fra contenuto-nozione e contenuto-emozione.
  • Troviamo un intero capitolo dedicato al contratto di edizione.
  • Un altro punto di forza del Manuale dell’illustratore è che, riferendosi per lo più alla realtà italiana, permette a chi si avvicina all’illustrazione solo ora di capire in modo più immediato le dinamiche dell’editoria nel nostro Paese.
  • Il tono del manuale non è mai lapidario, come capita per alcune letture di questo genere. Anna Castagnoli invita il lettore ad essere creativo nel vero senso del termine: aperto a nuove soluzioni, curioso e propositivo. Spiega le regole, che vanno conosciute bene prima di poter essere eluse o infrante.

L’autrice ha confezionato un bel libro , ricco di consigli e soluzioni, ma anche di spunti e considerazioni personali che stimolano ad una riflessione sul concetto di albo, illustrazione e soprattutto di etica professionale .

Inoltre, numerosi box di glossario ed approfondimento arricchiscono la lettura.

Il “Manuale dell’illustratore” è un bel volumetto da custodire gelosamente nella propria libreria e da prestare con parsimonia: bisognerebbe sempre averlo a portata di mano perché può essere provvidenziale!
Segnalo che è disponibile anche una versione digitale per Kindle e tablet

Pro

1. L’autrice si è premurata di inserire elenchi di scuole, concorsi e siti interessanti per chi si avvicina o approfondisce l’illustrazione per l’infanzia, mettendo insieme un consistente prontuario di cui sarà difficile fare a meno. Questo è un libro da aprire e sfogliare spesso.
2. Molte immagini portate ad esempio rendono la lettura pratica, sempre chiara.
3. Capitolo dedicato agli aspetti legali davvero approfondito, con degli esempi di contratto e relative parti che lo costituiscono.
4. Le informazioni riportate nel libro sono aggiornatissime.
5. Un manuale che restituisce un senso di dignità all’illustrazione come mestiere, in un mercato inquinato dalla crisi economica e soprattutto da atteggiamenti amatoriali di incuria ed approssimazione, sia da parte di alcuni editori che di tanti illustratori.

Contro

Non un vero e proprio aspetto negativo: le informazioni che oggi sono super aggiornate, tra qualche anno potrebbero non esserlo più, soprattutto per quanto riguarda internet, i social media e ancor di più gli aspetti legati e legge e contabilità. Attenzione quindi a tenerne conto nel tempo: nell’epoca che viviamo, tutto cambia piuttosto velocemente!

Manuale dell’illustratore
di Anna Castagnoli – annacastagnoli.com
2016 Editrice Bibliografica
10 capitoli; 238 pagine

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Ruba come un Artista: il libro che insegna l’ispirazione
02/02/2013 Morena Forza in Creatività / 20 responses
Più di due anni fa il creativo
americano Austin Kleon scrisse sul suo blog personale un articolo intitolato “Ruba come un
Artista”, un titolo quasi provocatorio che prometteva grandi contenuti, e così in
effetti faceva.
Lo tradussi nell’ottobre 2010 e
recentemente sono venuta al corrente del fatto che quell’articolo, di ispirazione a
chiunque vuole lavorare con la propria creatività, è divenuto un libro e non solo;
bestseller del New York Times.
Nel Bel Paese è edito da Vallardi, che
ha avuto l’immensa gentilezza di contattarmi e propormi una recensione del volume.
Così mi appresto a farlo.
“Ruba come un Artista” edito da Vallardi, 160 pagine, Euro 10,00, dal 31 gennaio 2013 nelle librerie
Cominciamo col definire l’area di
interesse che Kleon prende in considerazione con questo volume: è sicuramente vasta,
poiché la creatività non si concretizza unicamente nel disegno ma in molte
attività che hanno più punti di contatto di
quanto possiamo immaginare.
Non è un caso se molti autori (lui compreso, ma posso fare anche l’esempio di Davide Calì, che ha più
volte collaborato con la stesura di articoli per questo blog) hanno bisogno di
maneggiare un basso o una chitarra; se alcuni miei colleghi fanno anche teatro o se alcuni
illustratori come la sottoscritta, dopo aver illustrato testi ad opera di altri mettono mano
alla penna per raccontare le proprie storie.
© Vallardi Editore
La creatività più si esercita e più
si spande; e le dieci regole che Kleon ha “stilato” si applicano quindi ad ogni attività
creativa e artistica, abbracciando molti aspetti controversi sulla questione
dell’ispirazione.

 

Andiamo ad elencarle:

 

© Vallardi Editore
Questi sono i “10 punti cardine” che Kleon va a spiegare con il suo piglio brillante e scanzonato, senza mai perdere accuratezza e sincerità.
Nonostante il titolo si avvalga della parola molto forte “rubare”, Kleon ci dice che

L’artista è un raccoglitore, ma – si badi – non è di quelli che si limitano ad accaparrare; la differenza è che l’accaparratore raccatta in maniera indiscriminata, mentre l’artista raccoglie in modo selettivo, scegliendo esclusivamente ciò che ama davvero.

L’autore in questo libro spiega come avviene il procedimento di ispirazione e assimilazione, nonché di creazione di un prodotto “originale” solo tra virgolette; che originale non è, ma è piuttosto la somma di ciò che ci influenza e ci influenza perchè lo amiamo.
Nell’ambiente creativo spesso è quasi labile il confine che si crea tra ispirazione e plagio; ma dopo la lettura di questo libro le nostre idee ne usciranno limpide, come se fossero state setacciate e ripulite.
Sapremo riconoscere un plagio da un’ispirazione e sapremo “rubare” dopo aver assimilato in modo selettivo ciò che amiamo, senza rischi e senza comportamenti poco etici verso gli artisti e le fonti che più ci suscitano ammirazione e stupore.

Nel dubbio di non essere abbastanza incisivo (ma lo è, credetemi) Austin Kleon riporta svariate citazioni di artisti di ogni tipo a sostegno dell’idea secondo la quale l’artista è una spugna con due grandi occhi, che dopo aver guardato attentamente quello che capita al suo cospetto, decide cosa assorbire.

© Vallardi Editore

Ai creativi che si chiamano fuori da questo discorso per eccesso di ego, Kleon può risultare provocatorio. C’è qualcosa nelle sue parole di diretto e spiazzante, che scuote la coscienza.
Niente è originale, ma questo non significa che non possa essere di ottima qualità e trasmettere dei messaggi che recano impressa la nostra personalità.
Il suo è un approccio molto sereno verso la creatività e colpisce molto.

Inoltre l’autore non si limita a farci sapere come si esercita quella che è a tutti gli effetti una forma di collezionismo, perchè se così fosse, questo sarebbe un manuale e  invece non lo è.

E’ un libro per scoprire e per riscoprirsi, che riporta il creativo in una dimensione carica di entusiasmo e di voglia di mettersi in discussione.

Kleon stesso afferma che i consigli che diamo sono quelli che avremmo dato a noi stessi tempo prima; non c’è cosa più vera.
E forse proprio per questo il libro costituisce una lettura preziosa per ritrovare spunti e voglia di fare.
Quando lessi l’articolo che generò “Ruba come un artista” mi sentii pervadere da una sorta di scossa elettrica nella gola, nelle mani; una sorta di frenesia e di impazienza.Dopo le 160 pagine di questo volume posso affermare con assoluta certezza che quell’articolo si è dispiegato in qualcosa di più ricco e complesso, non perdendo mai di incisività e funzionalità.
Kleon non è mai noioso, il suo modo di scrivere è così scorrevole e accattivante che terminata la lettura sarete indecisi se riprenderla da capo o fiondarvi al tavolo da disegno!
E in effetti una cosa non esclude l’altra: “Ruba come un artista” si presta molto ad essere letto, riletto e riletto ancora.
E’ un libro fatto per essere messo sui nostri scaffali non per prendere la polvere, ma per essere sfogliato speranzosamente nei momenti di scoramento (e tutti sappiamo che capita prima o poi in ambito creativo) e persino di più in quelli di frenesia in cui cerchiamo quel “di più” in termini di entusiasmo ed idee che ci servono per portare avanti una tavola o un progetto creativo.
Un altro dei motivi per cui mi è piaciuto: è un inno alla condivisione e in fondo il piacere della condivisione è sempre stata una delle mission di questo blog. Austin Kleon vuole risvegliare dalla gelosia per le proprie fonti e capacità  molti creativi e portarli a gioire di ciò che li appassiona col prossimo. Questo crea un circolo di informazioni ma anche di passioni ricambiate, di scambio e di partecipazione!Provare per credere!In libreria dal 31 gennaio 2013 e disponibile su Amazon.
Buona lettura!

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Ideas Everywhere: un albo illustrato (gratuito) spiega l’albo illustrato
29/03/2011 Morena Forza in Illustrati / 4 responses

“Come faccio ad avere una buona idea?” “Come la sviluppo?” “Dove ambiento la storia?” “Come inizia?” “…E a quel punto cosa succede?” “Come si sente il protagonista?”

 

Polly Dunbar, prolifica autrice ed illustratrice inglese, risponde a queste ed altre domande nel suo grazioso ebook “Ideas Everywhere“, che con freschezza ed un pizzico di ironia spiega come nasce l’idea per una storia illustrata.

Grazie al suo linguaggio semplice e spiritoso, questo coloratissimo ebook si presta ad essere utile e di ispirazione sia a grandi che piccini.

Ecco qualche estratto del libro (in lingua inglese) che si può scaricare gratuitamente qui.
Le immagini sono ingrandibili.

In italiano…

L’inglese è difficile da masticare?
Niente paura! L’illustratrice italiana Martina Tonello ha rilasciato, proprio per Roba da Disegnatori, un fantastico ebook: Piccola guida all’albo illustrato.
Nato originariamente come tesi di laurea, questo libro ha incuriosito e deliziato già molti lettori!

click!
Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Libri: “Disegnare con la parte destra del Cervello” di Betty Edwards
13/11/2010 Morena Forza in Creatività / No comments

Ringrazio Silvia “Liz” Lisanti per avere recensito questo utilissimo manuale!

L’edizione di cui parla Silvia

Saper disegnare correttamente è  sempre stata una prerogativa importantissima per chiunque intenda specializzarsi nel campo artistico o dell’illustrazione; un esercizio ideale per sviluppare tale capacità è quello di disegnare e schizzare soggetti dal vero: in questa maniera si riesce ad osservare come la realtà appaia davvero, senza alcun filtro, osservandone forme e particolari; così facendo si riesce ad arricchire il proprio stile di disegno rendendolo quindi più personale;

Fornire le basi per l’adeguata osservazione della realtà è lo scopo del Manuale di Betty Edwards “Disegnare con la parte destra del cervello; rivolto non solo a chi si trova alle prime armi, ma anche a coloro che se la cavano già abbastanza bene ad… imbrattare fogli;

La tesi che sostiene Mrs. Edwards è molto semplice: il fatto che molti di noi non riescano a disegnare correttamente è dovuto all’ emisfero sinistro del cervello: una parte razionale, astratta e logica, quasi simile ad una specie di computer per l’elaborazione dei dati che – proprio per queste caratteristiche- ci impedisce di avere una visione completa di ciò che ci sta davanti sapendolo riportare correttamente su carta;

Situazione tipica: state facendo un ritratto realistico ad un vostro amico, parente, fidanzato/a, ma non riesce secondo le vostre aspettative: è un disegno bruttissimo!

 

Di conseguenza i casi sono questi:
vi giustificate dicendo che il volto umano è un soggetto troppo difficile per voi;
dato lo “sgorbio” che avete appena disegnato, vi sentite condannati a non poter realizzare di meglio, appallottolate e gettate nel cestino il vostro disegno e giurate a voi stessi che non prenderete mai più in mano una matita per il resto della vostra esistenza, ( a chi non è mai successo?) ;
Un’ altra via di mezzo è quando quel “maligno” dell’emisfero sinistro ci mette il suo zampino e vi guida condizionando il vostro lavoro! Mi spiego meglio: può darsi che siate riusciti a terminare il disegno, ma magari per comodità lo avete realizzato ispirandovi ad uno stile particolare ( manga e anime, per esempio) o a quello del vostro cartone animato preferito…beh, che dire?
Il disegno è uscito sicuramente, ma per dirla in parole povere, si è trattato di un lavoro a memoria, che ha poco a che vedere con un’attenta osservazione della realtà; l’autrice parla, a riguardo, di “simboli” che acquisiamo inconsciamente e che usiamo poi per rappresentare un oggetto! Ecco qualche esempio con la rappresentazione di un occhio.
OCCHIO STILE MANGA

Lo scopo di questo manuale è quello di risvegliare dal suo letargo il vostro emisfero destro (la parte che realmente è adatta alla ricezione della realtà) attraverso degli esercizi pratici, e farvi ottenere le giuste capacità per disegnare dal vero! (Oro Colato: nelle 269 pagine del libro – indice e ringraziamenti esclusi- è sintetizzato un corso della durata di 5 giorni della Edwards).
Ma la  cosa più bella è che questo libro promette risultati sicuri! Non mi sto dando arie da Roberto “Baffo” Crema che vuole rifilarvi un elettrodomestico difettoso facendolo passare per un gioiellino della tecnologia! Date un’occhiata alla sezione “Prima e Poi” dei disegni degli allievi dell’autrice: se ce l’hanno fatta persone che all’inizio non riuscivano ad abbozzare un ritratto realistico dal vero, o che si lasciavano intimidire da un soggetto per loro “troppo difficile” come il proprio autoritratto, allora significa che pure voi ce la potete fare;
Un must have per chiunque voglia disegnare: principianti e hobbisti si sentiranno più incoraggiati e avranno modo di riscoprire la passione per il disegno ed esprimere la propria creatività, mentre invece chi è già avvezzo a carta e matita si incoraggerà a ritrarre cose diverse dal solito e disegnare di più;  Una volta terminata la lettura, con della sana pratica quotidiana, lo stile di disegno ne gioverà moltissimo!

Personalmente questo libro –oltre che essere una lettura molto utile e piacevole- è stato una bella svegliata: mentre prima riempivo il mio sketchbook con i soliti disegnini “carini” o in stile cartoonesco, adesso ho preso l’abitudine di ritrarre cose e oggetti dal vero che, per me, prima erano inusuali  ( per farvi un esempio barche, vecchi cancelli in ferro battuto, motorini e vespe, sedie da giardino particolari… persino un gruppo rock durante un concerto: mentre ero seduta davanti al palco con il mio drink a disegnare, ho anche saputo apprezzare la musica, che mi ha aiutata a concentrarmi!) ;

La nuova edizione (2002)

L’edizione più recente (Longanesi, 2002) contiene anche un inserto altrettanto interessante dedicato alla teoria dei colori e alla calligrafia (alzi la mano chi non sapeva che è possibile copiare una firma riflettendola allo specchio?)

Che altro dirvi? se sono stata abbastanza convincente, correte a procurarvi questo manuale, applicatevi subito a seguire gli esercizi e…disegnate, schizzate, pastrocchiate.. tenetevi sempre in allenamento!!!

Condividi su:
Continua a leggere