Categoria: In evidenza

Separator
Asterisk 5+1 Motivi per non utilizzare immagini prelevate da Google
07/05/2018 Morena Forza in In evidenza / No comments

Illustrazione:  Kali Ciesemier

A volte è difficile spiegare perché prelevare da internet un’immagine (soprattutto a scopo commerciale) sia sbagliato, soprattutto a chi mastica poco la netiquette; eppure esistono motivazioni precise di stampo tecnico, legale ed etico per non farlo.

Diffondiamo questo post per fare sapere anche ai non addetti ai lavori perché le immagini da Google o Pinterest non vanno prelevate, men che meno a fini commerciali.

Perché è sbagliato utilizzare le immagini prese su internet?

1: Google non è una banca dati di immagini free

Facciamo un po’ di chiarezza: Google Immagini è un servizio che Google ha ideato dopo qualche anno dal lancio dell’azienda, nel 2007, a scopo informativo.
Se non ci credi, aggiornati, perché Google ha perfino tolto lo strumento “Visualizza immagine” proprio all’inizio del 2018 per tutelare chi produce immagini, impedendo di visualizzare un’immagine isolata dal contesto in cui è inserita.

2: Non siamo noi disegnatori a caricare le immagini su Google

Il motore di ricerca le preleva da siti, forum, social e altre fonti estrapolandole tramite un algoritmo dal loro contesto in base a delle parole chiave.
Non abbiamo caricato quelle immagini su web per offrirle al primo che passa, ma per promuovere il nostro lavoro (anche retribuito).
Inoltre, molto spesso le immagini che girano per social e piattaforme non sono state caricate da noi creativi, ma da qualcuno che le ha salvate dai nostri canali ufficiali e redistribuite a nostra totale insaputa sui propri socialDigiti e te le trovi davanti, ma non sono lì per te.

3: Prelevando immagini da internet corri il rischio concreto di controversie legali con privati e aziende che le hanno commissionate o acquistate.

Questo significa che utilizzando un’immagine potresti commettere a tutti gli effetti un furto, non solo verso il suo autore ma anche verso un’azienda (editori, case di moda, produttori di articoli di cartoleria, arredatori, agenzie pubblicitarie ecc), che ne detiene i diritti ed ha i mezzi legali per fartela letteralmente pagare. Pensaci bene.

4: Esistono le immagini stock, a pagamento e anche gratuite.

Esistono delle banche immagini per fotografie, illustrazioni e materiale grafico, alcune di esse totalmente gratuite. Prova a digitare in Google (facendone buon uso, stavolta) “Free stock images” o “Free stock illustrations” e ti si aprirà un mondo.

A differenza di quelle pescate a caso su Google o Pinterest o sui social, le immagini che trovi sui siti stock sono lì appositamente per te. Datti alla pazza gioia!

5: La stampa di immagini prese da internet è di bassa qualità.

Le immagini prese da internet sono a bassa risoluzione; questo significa che in stampa danno risultati tutto meno che professionali.

Se queste motivazioni tecniche, legali ed etiche non ti hanno convinto, eccotene una molto pratica: credimi, internet è piccolissimo.

Pensi davvero di passare inosservato?
Ormai su web si denuncia di tutto, dalle grandi aziende ai piccoli produttori disonesti.
Le cose che una volta era facile insabbiare si vengono a sapere e potresti essere svergognato in pubblica piazza o riempito di messaggi di protesta facendoci veramente una magra magra figura. Ci sono marchi che hanno perso cause, piccoli shop su Etsy o Ebay che hanno chiuso i battenti per questo motivo.
“L’immagine era su Google quindi è mia” lo avresti potuto dire suscitando un sorriso di compassione nel 2005. Nel 2018 è totalmente irrealistico.

Quando l'immagine non è utilizzata a fini commerciali

Perché non contattare l’autore dell’immagine per la tua iniziativa? E’ sbagliato comunque utilizzare l’immagine a sua insaputa.

E se il disegnatore o fotografo non volesse che quell’immagine venga abbinata a idee politiche o etiche in cui non si riconosce?

A me è capitato: qualche anno fa hanno utilizzato una mia immagine di una mamma col suo bambino per un’iniziativa contro le famiglie arcobaleno.
Io le supporto pienamente e odio ogni forma di discriminazione, perciò ho trovato molto offensivo l’uso di quell’immagine (per giunta modificata a piacimento con una grafica assai discutibile) per quel fine.
Impariamo a rispettare il lavoro degli altri, ce n’è tantissimo dietro un’immagine, che non si è certo fatta da sola.

Grazie! :-)

Letture

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Come ho iniziato a fare illustrazione: il mio percorso a ostacoli
23/04/2018 Morena Forza in In evidenza / 6 responses

Negli ultimi tempi, sul blog, per email e durante corsi ed incontri, mi è stato chiesto come ho cominciato a fare l’illustratrice freelance. E’ stata insomma, la domanda frequente numero 1.

E così, in occasione del mio compleanno, ho deciso di raccontare il mio percorso.

Fun fact: volevo registrare degli audio e mi sono spostata in campagna, lontana dal frastuono della città e dei vicini.
Da brava ragazza di città, ho sottovalutato un temibile nemico: l’ugola della gallina media.
Terminata di registrare la intro infatti, mi sono resa conto che le urla e i litigi dal pollaio, in sottofondo, rendevano inascoltabile l’intero il contenuto.
Così, dopo molte risate, eccomi qui, tornata alla cara e vecchia scrittura.

Una ragioniera che disegna

Come ho raccontato brevemente nella mia pagina bio, ho studiato ragioneria e, dopo il diploma, Lingue e Letterature Straniere.

Nei primi mesi del 2007 iniziò un processo interiore inarrestabile che mi portò ad interrompere gli studi (che pure amavo molto) per buttarmi a capofitto nell’avventura che è diventata una fetta enorme della mia vita attuale.
Nell’autunno di quell’anno mi iscrissi al corso di illustrazione dello IED.
Grandioso, no?
Ma non andò affatto bene. Anzi, chiamiamo le cose col loro nome: fu un completo disastro.

Non tutto il male viene per nuocere

Due mesi dopo essermi iscritta mi accorsi di non riuscire più a tenere nulla in mano. Né una posata, né un pettine, né una matita.
Fu l’inizio di un incubo che durò diversi anni, di cui il primo in fase acuta, fu il peggiore della mia vita.

Passavo molto tempo a letto, debole e dolorante, e non potevo fare altro che leggere e guardare film.
Il mio stato di salute altalenante non aveva però spento le mie inclinazioni, le aveva intensificate; una volta finita la fase acuta, per tutto l’anno seguente mi concentrai su studio e disegno. Non potendo uscire granché, non ero in balìa di grandi distrazioni e questo velocizzò straordinariamente il mio apprendimento.
Quello è stato il grande periodo-spugna. Vedevo una cosa, provavo a farla e la assorbivo.

L'importanza di essere (quasi) pronti

Cominciai a fare sul serio: decisi di preparare un portfolio di 12 immagini e disegnare tantissime tavole “extra”, comprare un dominio e aprire il mio primo sito.
Che non era ancora questo.
Partecipai a qualche concorso e a qualche mostra, per mettermi in gioco.

Ma la differenza la fecero le ore che, quando riuscivo a uscire, trascorrevo in biblioteca e per librerie, a cui ne seguivano altrettante sui siti e sui cataloghi di produttori ed editori.
Con un taccuino alla mano appuntai meticolosamente una serie di informazioni preziose (cosa che periodicamente faccio ancora) che mi sarebbero servite per capire chi contattare.

Quando iniziai a farlo, le risposte furono piuttosto veloci. Imparai a prendere un quantitativo imbarazzante di porte in faccia senza fare un plisset.
A meno di un anno da quando facevo illustrazione, mi ero trovata a lavorare con uno dei più grossi gruppi editoriali italiani.
Fu frustrante, e difficile perché non ero completamente pronta per un’esperienza così “di alto livello”, ma fu istruttivo. E non mi pentii di essermici buttata.
E poi, il fatto di essere stata contattata da un cliente così importante mi diede molta fiducia e carica.
Il primo vero gradino che ha costituito uno spartiacque fra il prima e il dopo è stata la collaborazione con un editore francese (anch’esso di grandi dimensioni): da lì in poi arrivò tantissimo lavoro.

Non molto più tardi mi scrisse dal Portogallo Ines, la mia prima agente, che mi insegnò a tenere ordinato il portfolio e pensarlo per dei clienti a cui volevo arrivare.
In quel periodo mi appassionai più che mai al mercato dell’illustrazione e non solo ad illustrare.

E’ stato proprio così che, tra il 2014 e e il 2015, ho aperto partita IVA e ho rivoluzionato completamente il modo in cui disegnavo per potermi dedicare ai miei due mercati preferiti: quello britannico e quello americano.
Reinventarsi non è facile; ci sono voluti mesi di metodica ricerca e raccolta.
In un certo senso, non ho solo cominciato a fare illustrazione, ma ho anche ricominciato da capo. E senza fermarmi, perché non potevo permettermelo.
Questo mi ha portato nel giro di sei mesi ad essere contattata dalla seconda agenzia che ora mi rappresenta e che mi ha confermato che ero davvero molto adatta ai mercati a cui avevo voluto avvicinarmi. I miei studi sono stati davvero ripagati: ho raddoppiato le commissioni e lavorato spesso con Regno Unito, Asia e Stati Uniti.

Chissà quante altre volte dovrò rinnovarmi e, per alcuni aspetti, ricominciare.
Bisogna farci pace, se si vuole disegnare freelance.

Percorsi diversi, ostacoli segreti

Negli anni ho ascoltato e letto con interesse del percorso di altri illustratori.
Mi ricorda come a volte si arrivi alle stesse cose facendo strade completamente diverse.
A proposito di questo, ti consiglio di non fare mai confronti tra il tuo percorso e quello di un’altra persona.
Dal momento che non ne esistono due uguali, la cosa più saggia che puoi regalarti è concentrarti sulle tue tappe.
E’ difficile? Forse: ma dimezzare il tuo tempo sui social può fare miracoli!

Sui social quasi nessuno racconta quanto ha sgomitato per arrivare su quell’annual o per lavorare col grande cliente. Quanti weekend e festivi ha passato al tavolo da disegno mentre gli amici erano fuori a cazzeggiare.

Nessuno racconta quante pessime locandina per la sagra della porchetta e pallosissimi raccontini ha dovuto disegnare prima che gli venisse affidato il progetto dei suoi sogni.
E nessuno ti dice che ha fatto fatica, perché in fondo ci piace crogiolarci nella fiaba e nell’idea irrazionale che le cose arrivino per “magia”, solo desiderandole.

La fata Madrina c’era solo per Cenerentola. A noi, tocca farci il mazzo.

Quindi, buon lavoro!
Credi nei tuoi obbiettivi, più che nei tuoi sogni.

Approfondimenti

I miei manuali preferiti

Ecco i manuali che più mi hanno aiutata a districarmi nella giungla di questa colorata avventura. Ne ho letti tanti, ma questi sono decisamente i miei preferiti.

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Non aprite quel portfolio – Gli errori più frequenti
07/02/2018 Morena Forza in Guide e Tutorial / No comments
portfolio illustrazione

Illustrazioni di Justin Tran

Halloween è lontano…

Ma ci sono cose che fanno paura tutto l’anno. Come l’invio di un portfolio pieno di errori!

Ne riconosci qualcuno in questo elenco? Sbagliando si impara. :-)
Se guardo i miei vecchi portfolio (che ho conservato come monito) mi accorgo di come fossero meno efficaci di quelli che preparo negli ultimi anni.

E’ normale. L’importante è correre ai ripari!
Gli errori possono riguardare due elementi in particolare.

Il contenuto del portfolio

Sono quelli che hanno a che fare proprio con le immagini che abbiamo scelto.

  • Inviare il proprio materiale a tutti, indistintamente. Non conoscere il catalogo del destinatario (e pensare che non si noti). Sparare nel mucchio non solo non funziona, ma è anche poco educato.
  • Un portfolio sopra le 20 immagini è un big no-no. Nessuno arriverà alla fine. Ho visto coi miei occhi la quantità di email giornaliere che ricevono art director e agenzie. Farebbe impallidire Dracula all’Equatore. Ti rassicuro: chi sta cercando nuovi artisti approfondisce sempre siti e account social di un portfolio che l’ha colpito.
  • Già che ci siamo, attenzione anche al peso eccessivo dei file inviati.
  • Ricevere immagini a grandezza francobollo farebbe salire la frustrazione anche al Dalai Lama. Lo so, non vuoi che le tue tavole vengano utilizzate senza il tuo consenso, ma non esagerare. Devono essere leggibili e dare delle informazioni a chi le guarda. Ecco due immagini di misura ragionevole: verticale e orizzontale.
  • Tavole in risoluzione troppo bassa, (quelle in cui si vedono i dettagli sgranati) sono da evitare. In questo articolo avevo scritto come funzionano formati e risoluzioni.
  • Inserire lavori troppo vecchi. Non usi più quella tecnica, hai cambiato stile, o sei migliorato in maniera esponenziale da quando hai fatto certe illustrazioni? E’ il momento di eliminarle. Non rischiare che alcune tavole abbassino la qualità generale del portfolio o che possano chiederti cose di cui non vuoi più occuparti.
  • File con nomi generici. Se invii un PDF chiamalo col tuo nome e cognome e con l’anno corrente. Lo stesso se stai inviando immagini sfuse in allegato:nomecognomenumero.jpg. Nella cartella del destinatario, sono già presenti decine o centinaia di portfolio che si chiamano portfolio.pdf o IMG03.jpg.
  • Due cose sono infinite: l’universo e la bruttezza dei watermark. Lo so cosa stai pensando: “Ma poi stampano 200 cartoline con le mie immagini e non me le pagano!” Non succederà, anche perché invierai file in formato web e non per la stampa (quindi non sopra i 72 dpi, con cui si può fare poco e nulla). Il watermark è obsoleto e pretenzioso. Ma soprattutto, è fuori luogo quando si contatta un potenziale cliente, perché grida questo: “Senti, io non mi fido di te, quindi ecco le mie immagini tutte coperte da una filigrana enorme che non ti permetterà di rubare il mio lavoro. Detto questo, lavoriamo insieme?”

Leggi i migliori manuali per illustratori

Qui ho raccolto i miei preferiti e ti racconto perché per me sono stati preziosi.

La forma o la presentazione

Il tuo portfolio non ha niente che non va. Ma il modo in cui lo presenti fa la differenza.

portfolio illustratore
  • E’ lei, che paura! L’email che arriva vuota in casella (e magari pure senza oggetto). La chiamerei “Il silenzio degli innocenti”. Un allegato misterioso fa capolino laggiù, ma non ci sono due righe di presentazione, una spiegazione, ma che dico! Non c’è nemmeno un “Buongiorno” o un “Grazie”. Sei di fretta e non hai tempo di scrivere? Fatti vivo in un momento più libero. Abbiamo tutti da fare, ma siamo persone, dietro allo schermo.
  • Invii il portfolio e ti lasci prendere la mano; e così l’email racconta la storia della tua vita.
    Lascia parlare il portfolio, dopo una breve presentazione (ho detto breve!). In fondo, il protagonista dovrebbe essere lui!
  • Hai poco tempo e così invii la famigerata email a tappeto. E’ quella scritta uguale per tutti coloro che la riceveranno. Magari anche con i destinatari in chiaro, per fare l’en plein? Ullalà! No, davvero. Non si fa.
  • Ossessione. Inviare il proprio portfolio una volta al mese alla stessa redazione.
    Due o tre volte l’anno può andar bene (e senza Risp. in calce, per carità!) ma non diventare l’incubo di un art director.
  • L’inglese maccheronico.
    Metti via quel traduttore online e nessuno si farà male.
    D’accordo, non devi prendere il tè con la Regina Elisabetta, ma se come una mia ex compagna scrivi “I have bed” per dire che hai letto qualcosa, considera l’idea di un mini corso di inglese prima di tuffarti a pesce nel mercato straniero. Shish!
  • L’enigmista. Chiamo così quell’email che non contiene un allegato ma apre delle finestre per ottenerlo. “Clicca qui! Bene, e ora clicca qui! Ci siamo quasi… Clicca qua! Adesso inserisci la password che ti è stata inviata in un’email separata. Quasi fatto! Somma le ultime tre cifre di questo codice alla data di incoronazione di Carlo Magno e scarica il file.”
    … Saw, sei tu?
Nel dubbio, segui le linee guida

Soprattutto gli editori, a volte richiedono formati particolari, non ricevono allegati in casella e vogliono solo il link al portfolio online; altri ancora accettano solo l’invio cartaceo o del CD.
Vai sul sicuro e leggi sempre le linee guida messe a disposizione sui loro siti.

Vuoi saperne di più? Scopri altri consigli

Partecipa al workshop “Il sogno e il mestiere” con me e Ilaria Urbinati e vieni a conoscere il disegno come professione. Esplora il programma completo, oppure leggi cosa raccontano alcuni illustratori dopo aver partecipato.

Prossima tappa: da definirsi per il 2018

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk E se RDD sparisse da Facebook? Ecco come evitarlo
23/01/2018 Morena Forza in In evidenza / No comments
Un brusco cambio di rotta

Ecco cos’è successo: Facebook ha cambiato ancora una volta i suoi algoritmi, stavolta in modo molto significativo, facendo in modo di rendere quasi nascoste le notizie delle Pagine, privilegiando i post degli amici da profili personali.
La conseguenza è che potrebbe sembrare che Roba da Disegnatori, così come la maggioranza delle altre pagine Facebook, sia sparito.
Ma niente paura, ci sono alcune soluzioni! Eccone qualcuna.

Non perdiamoci di vista!

Già tramite gli strumenti di Facebook è possibile adattare le proprie preferenze. Ecco come.

Raggiungete la pagina di RDD, qui: facebook.com/robadadisegnatori
Selezionate il bottone Segui e poi “Mostra per primi”

Questo si può fare anche dalle preferenze della sezione notizie, quando si accede a Facebook.com.

Non è tutto: ogni volta che scrivo un nuovo post o rilascio guide e materiali lo pubblico sempre sul mio profilo personale.
Un’altra soluzione è quindi quella di seguirmi proprio da qui.
Attenzione, però: come ormai si sa, i profili privati non consentono di aggiungere più di un certo numero di amici e, oltretutto, non occorre. Per seguire i contenuti basta selezionare il tasto “Segui” come nella schermata qui sotto.

Iscrivetevi alla Newsletter

Probabilmente, la scelta più pratica e saggia è iscriversi alla newsletter gratuita. :-)

La newsletter,  inviata ogni ultimo giorno del mese, riporta i post recenti e le novità di RDD, più un vecchio post dall’archivio.

Iscrivendovi sarete sicuri di ricevere tutto quello che è successo sul blog e sulla pagina senza perdervi nulla. Troverete anche anteprime e anticipazioni su ebook, iniziative, incontri, corsi.
E anche la mia pagina di diario mensile da disegnatrice. :-)

Non invio spam (lo odio profondamente per prima e non lo farei mai!) e i vostri indirizzi email non vengono in alcun modo divulgati a terzi.
Accertatevi solo di controllare che le news non finiscano nello spam o nella cartella Promozioni della vostra casella.

La prossima news (la prima dell’anno) parte fra dieci giorni.
Purtroppo non mi sarà più possibile inviarvi i numeri precedenti, mi spiace molto.

Preferite il Bassotto

Semplice, forse un po’ antiquato, ma pur sempre efficace: aggiungete RDD nei vostri Preferiti o nella Barra dei Preferiti, per tenerlo a portata di mano e raggiungerlo con un click.
L’indirizzo del blog è questo: robadadisegnatori.com
Sulla pagina, reperibile a facebook.com/robadadisegnatori, è possibile seguire anche vecchi post riportati in auge, fotografie che posto solo lì, articoli che riporto da altri siti.

E su Instagram?

Ultimamente ho utilizzato Instagram (instagram.com/robadadisegnatori ) più per condividere dei piccoli momenti delle mie giornate da illustratrice piuttosto che gli articoli, ma vista l’inversione di rotta di Facebook ho deciso che d’ora in avanti posterò anche gli aggiornamenti del blog e delle sue iniziative.

Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Come ho riorganizzato i miei pennelli in Photoshop con BrushBox
11/12/2017 Morena Forza in Disegno / No comments

Sono una gran pigrona, perfino quando si tratta della cosa che mi piace di più; a mia discolpa posso dire che disegnare in digitale è molto più stancante e questa è un’opinione condivisa da diversi illustratori e fumettisti.

Ho già alleggerito l’aspetto postura e affaticamento visivo qualche mese fa, cedendo all’acquisto di una CintiQ 22” da cui non tornerei più indietro (tutta un’altra vita, davvero), ma a provocarmi un costante nervosismo rimaneva la gestione dei pennelli di Photoshop.

5 cose che mi facevano sbuffare come una pentola a vapore
  • Utilizzare pennelli che si trovano in diversi set. Questo significava aprire e chiudere di continuo infiniti elenchi per prelevarne uno, cambiarlo con un altro, tornare al primo.
    Sì, in cima a tutti i fastidi del disegno digitale c’è sempre stato questo. Anche perché in genere, azioni ripetitive e perdita di tempo sono tra le cose che più odio nella vita.
  • Non poter contrassegnare i pennelli preferiti. Sì certo, nel tempo ho imparato a memoria i loro nomi, ma andavano sempre recuperati negli immensi set di cui facevano parte.
  • Dovermi appuntare di continuo i nomi dei set e dei pennelli da utilizzare per un dato progetto. Come in questa immagine:

Questo riempirmi di foglietti e post-it mi ha sempre dato l’idea di lavorare nel ’93. Mi sembrava impossibile che dagli albori di Photoshop nessuno avesse pensato alla terribile organizzazione dei pennelli!

  • Dover riportare il pennello alla misura che mi occorreva per disegnare un dato elemento.
    Questo è particolarmente vero per i pennelli che si usano al tratto: per esempio, il pennello di default di 15 punti che mi serve a 8, perciò ogni volta che dovevo riselezionarlo, ripartiva da 15.
  • Avere file .tpl e .abr separati. (Se non avete mai approfondito la differenza, vi rimando a questa utile guida che la spiega, in inglese)

Lo so, lo so, possono sembrare scemenze, ma sommate una sull’altra non sono da poco.
Lavoro su un minimo di due a un massimo di sei tavole al giorno, spesso per dieci o dodici ore al giorno (anche di più, se sto lavorando come colorista!), e tutto quello che può snellire il flusso di lavoro è benaccetto :-)

Un grande passo per l’umanità (che disegna digitale)

Settimana scorsa mi sono decisa a lasciare il mio ormai fidato Photoshop CS6 per approdare (con grande gioia, devo dire!) a Photoshop CC e mi sono procurata BrushBox, un plugin che permette di creare e gestire in piena libertà le librerie di pennelli.
Dopo anni di bigliettini e annotazioni era un sogno che diventava realtà!

Ecco alcune funzioni di BrushBox che mi piacciono particolarmente:

  • Poter raggruppare i pennelli di uno stesso progetto. Diciamo di stare lavorando a quattro progetti in contemporanea nello stesso periodo, e che ognuno preveda pennelli diversi: poter creare delle raccolte apposite per ognuno è una manna dal cielo.
  • Poter organizzare delle librerie tematiche.
    Questo significa poter raccogliere i pennelli per medium, per effetto, per funzione.
    Io ho messo insieme i pennelli secchi per esempio, quelli che imitano le matite a parte, quelli più morbidi come le guache… Ma ho anche raccolto le mie gomme preferite!
  • E a proposito di preferiti, questa funzione è prevista da BrushBox. Si può mettere una stellina dorata sui pennelli più amati e richiamarli poi a parte cliccando sull’icona specifica.
  • I pennelli possono essere rinominati. Non solo i set, anche il singolo pennello. Va bene, siamo tutti d’accordo sul fatto che UltraSketch 24 o SexySumi potrebbero essere nomi più cool, ma vogliamo mettere quanto è più evocativo “Matita ruvida” o “Modulato tipo china”?
    Se sto cercando un pennello basandomi sul tipo di effetto che sto cercando, l’ultima cosa che voglio è dovermi ricordare il nome tamarro o peggio numerico (e a volte lunghissimo) che gli ha dato il suo autore. Senza offesa per nessuno: sono grata a voi creatori di pennelli! :-)
  • Poter snellire i set, cancellando i pennelli che non usiamo mai o che proprio non ci piacciono. Questo alleggerisce parecchio il caricamento dei set e ci permette di tenere solo i pennelli che effettivamente utilizziamo. L’arte del decluttering è sempre la benvenuta, nella mia vita, in ogni sua forma!
  • Funzione ricerca: ebbene sì, anche se BrushBox ci dà la possibilità di semplificare di gran lunga le librerie, può darsi che non ci venga in mente dove abbiamo messo un dato pennello, soprattutto se abbiamo creato numerose raccolte. In quel caso basta compilare il campo di ricerca che il plugin ci mette a disposizione.
  • Salvataggio di set personali. Diciamo che abbiamo creato la libreria “Matite e carboncini” sotto la quale abbiamo riunito pennelli creati da diversi autori o provenienti da set differenti. Ci basta salvare il set “Matite e Carboncini”. Wow.
  • Poter salvare le impostazioni e le varianti di un pennello. Facciamo finta che quel favoloso pennello di misura 15 ci serva a misura 8 per tutto il progetto di cui ci stiamo occupando: basta salvare una variante che rimanga fissa a misura 8, evitando così di ridimensionarlo di continuo.
    In questo caso, BrushBox fa apparire un’icona sul nuovo pennello “ridotto” o ingrandito per ricordarci che non è l’originale ma la nostra variante.
  • Tutte le nostre raccolte possono avere un colore diverso o perfino un font personalizzato o un’immagine di sfondo.
    Oltre ad essere esteticamente gratificante, col passare dei giorni e delle settimane il cervello registra gli abbinamenti cromatici e potremo così aprire le raccolte senza neppure leggerne il nome.
  • Tutte queste ricche funzioni ed impostazioni possono essere esportate. Così, se lavoriamo su due computer diversi, non c’è bisogno che ricreiamo tutte le librerie e le preferenze. Meraviglioso, no?

Non male, vero? Sono 15 dollari che valgono decisamente l’acquisto.  E no, questo non è un post sponsorizzato. :-)

Qualche precisazione

  • Negli scorsi giorni è stata rilasciata la versione di BrushBox per Photoshop CS6 (che ormai è un programma vecchio e che non avrà altri aggiornamenti); ad ogni modo, consiglio di leggere attentamente quali sono le versioni che supportano il plugin. Se la vostra versione di PS non c’è in elenco, il plugin non funzionerà.
  • Leggete con attenzione le due mini-guide che l’autore del plugin ha accluso al download. Prima di installare BrushBox e anche dopo per usarlo al meglio, c’è qualche indicazione di cui tener conto.
  • Nella versione CC 2018 di Photoshop, rilasciata meno di due mesi fa, è stata (direi finalmente?) integrata la gestione pennelli simile a quella di BrushBox. Tuttavia per installarla ci vogliono dei requisiti tecnici di un certo tipo. Se non volete/potete installare CC 2018, sappiate che BrushBox fa comunque un egregio lavoro.
Condividi su:
Continua a leggere
Asterisk Fiera di Bologna: un importante cambiamento
07/09/2017 Morena Forza in Eventi / 8 responses

Era nell’aria da qualche anno, ma ora è stato reso ufficiale dalla Segreteria della Children’s Book Fair di Bologna: cambiano le regole per i pass gratuiti.

Fino ad ora era stato possibile ottenere un pass gratuito per l’intera durata della BCBF, inviando le 5 tavole per partecipare al concorso relativo alla Mostra degli Illustratori.

Dalla prossima edizione invece, il pass gratuito sarà garantito solo agli artisti selezionati per la Mostra, e non a tutti i partecipanti.

Ad ogni modo, potremo richiedere un pass ridotto del costo di 20 euro, entro metà Febbraio, quindi più di un mese prima dell’apertura dei tornelli. Per farlo, sarà necessario contattare la Segreteria rispettando i termini indicati sul sito.

Scadenze importanti

  • 4 Ottobre 2017 :  termine ultimo per l’invio delle 5 tavole per la selezione alla Mostra degli Illustratori. Fa fede il timbro postale. Altre informazioni e regolamento, qui.
  • 2 Marzo 2018: termine per la richiesta della riduzione Illustratori. Dopo questa data si potrà acquistare solo il biglietto a prezzo intero, quindi attenzione!

Polemiche e considerazioni su questa novità

Nelle scorse settimane, sui social si è diffusa a macchia d’olio una certa polemica per questa nuova scelta da parte dell’organizzazione della Fiera.

Secondo alcuni infatti, sarebbe ingiusto far pagare un biglietto, seppure ridotto, a noi illustratori, perché è segno di un’eccessiva ingordigia da parte dello staff di Bologna Fiere e perché “dobbiamo già pagare viaggio e alloggio e pasti“.
Vorrei spiegare perché mi sembra un ragionamento molto sbagliato.

Dopo un primo momento di fastidio, sono giunta alla conclusione che è giusto pagare il pass.

Come spesso accade anche in altri contesti, è facile abituarsi a dei benefit.
E’ stato bello accedere gratuitamente inviando 5 illustrazioni, certo.
Quando i vantaggi vengono meno, si sente, e questo è normale.
Ma…

Il pass gratuito ci era dovuto?

Gran parte delle fiere di questo tipo non prevedono accesso gratuito, nemmeno nel resto del mondo. A volte, e non sempre, sono previste formule di ingresso ridotte. E poi, altre categorie professionali che accedono alla Fiera non hanno la possibilità di pagare un biglietto ridotto.
Il pass gratuito per la partecipazione alla Mostra era quindi un plus, non qualcosa che ci spettava di diritto. E’ che ci eravamo abituati bene. :-)

Evidentemente, la gestione della Fiera ha costretto gli organizzatori a ritirare questo trattamento di favore nei nostri confronti. Non prendiamocela troppo.

E poi, siamo onesti: la Fiera viene una volta l’anno. Credo che uno o due ingressi ridotti riusciremo a metterceli da parte in 365 giorni, magari con qualche cinema o pizza in meno o la momentanea sospensione del nostro account Netflix. Argh, scherzo! Quello mai! :-)

Fonti immagini: 1|2|3|

Condividi su:
Continua a leggere