Storia dell’Illustrazione: Mary Blair

Devo ammetterlo, non sono mai stata particolarmente legata al disegno Disney nel mio modo di pensare le immagini. Eppure, qualcosa di più profondo dell’immagine stessa, mi ha influenzata per sempre nel mio approccio allo stesso disegnare: il colore. Ed è un modo di usare il colore che, ironia della sorte, viene da una delle più grandi figure di spicco del panorama disneyano: Mary Blair. I suoi colori, energici ed esuberanti, sono quelli che hanno forgiato la mia immaginazione, e mi hanno spinta a disegnare.

Ogni tanto, erroneamente, si legge che fu da subito assunta per Disney; in realtà il suo primo impiego fu quello di animatrice per la Metro-Goldwyn-Mayer. Successivamente si spostò allo studio Ub Iwerks, dove il marito Lee Everett Blair, già lavorava. Solo nel 1940 iniziò a lavorare per Walt Disney, per la produzione di Dumbo.

Nella sua trentennale carriera all’interno della Walt Disney Pictures, Mary Blair (nata in Oklahoma il 21 ottobre del 1911) rivestì diverse posizioni:

Concept artist
come in “Alice nel Paese delle Meraviglie” (1951)

Responsabile e supervisore
come ne “I tre caballeros”  (1944)

Color stylist
come in “Peter Pan” (1953)

Come sosteneva Marc Davis, disegnatore e responsabile Disney, fu lei a portare l’arte moderna all’interno della produzione disneyana come nessuno aveva mai fatto prima.

La sua impronta stilistica è ancora oggi inconfondibile: i suoi colori elettrici ed esagerati, spesso dissonanti fra loro, erano il suo marchio di fabbrica, usati in aree di tinte piatte e forme eccezionalmente innovative per l’epoca, in ambito di concept art e animazione. Per questo tipo di lavori, era solita usare guache e acrilici; ma curiosamente, il suo primo medium di elezione fu l’acquarello, tanto che fu membro della California School of Watercolor

Gallery da “I tre caballeros” (1944)

Gallery da “Peter Pan” (1953)

Da questi concept è stato prodotto il libro illustrato riadattato da Ridley Pearson nel 2009.

Gallery da “Cenerentola” (1950)

Gallery da “Alice nel paese delle Meraviglie” (1951)

Da questi concept è stato tratto il libro illustrato, riadattato da Jon Sciezka, nuova edizione nel 2016

Mary Blair non si fermò alla concept art e all’animazione.

Qualche anno dopo, la celebre casa editrice Simon & Schuster le commissionò alcuni fra i più bei Little Golden Books. Ancora oggi alcuni di essi sono sugli scaffali delle nostre librerie, passati alla storia come libricini tascabili, economici ma di alta qualità. Ecco per esempio “I can fly” che ho comprato qualche tempo fa:

Non sono solo i suoi colori e le sue idee a rendere Mary Blair una dei modelli a cui mi ispiro per il mio mestiere di illustratrice; piuttosto il suo eclettismo e la sua capacità di essere elastica, di farsi strada all’interno di diversi mercati. Non solo animazione e libri illustrati per lei, ma anche pubblicità, packaging, biglietti di auguri e scenografie teatrali.

Il suo disegno arrivò ovunque: oltre ad essere un’artista era anche una gran lavoratrice!

Una carriera a cui guardare con ammirazione e da cui trarre tanta ispirazione.

Letture

“Magic Color Flair”
Weldon Owen (2014)
una monografia completa su Mary Blair, curata da J. Canemaker

“The Art and Flair of Mary Blair: An Appreciation”
Disney Editions Deluxe (2014)
Monografia Disney curata da J. Canemaker

“Mary Blair Treasury of Golden Books”
Golden Books (2014)
Raccolta digitale dei Golden Books di Mary Blair

“Alice in Wonderland”
Disney Pr (2016)
La storia di Alice riadattata da Jon Sciezka, illustrata dai concept di Mary Blair

“Peter Pan”
Disney Pr (2009)
La celebre storia di Dave Barry riadattata da Ridley Pearson e illustrata dai concept di Mary Blair

Ti potrebbero interessare:

Commenti

commenti